Aleksander Aamodt Kilde trionfa nella discesa di Garmisch-Partenkirchen

Norvegia senza limiti: nessuno sulla Kandahar 2 ha fatto una gara perfetta, chi ha fatto meno errori ha vinto e a riuscirci è stato Aleksander Aamodt Kilde, che scendendo col numero 30 si è aggiudicato la discesa maschile di Coppa del Mondo di Garmisch-Partenkirchen.

Una vittoria che da tempo era nell’aria per questo 23enne norvegese dall’enorme talento che ha colto al volo la grande occasione e ha buttato giù dal podio lo sloveno Bostjan Kline, che era sceso col numero 3 e che stava già cominciando a sognare il colpaccio. Aamodt Kilde, questa stagione terzo nel superG della Val Gardena e sesto nella discesa di Kitzbühel, si è preso la prima vittoria in Coppa del Mondo negandola per 22 centesimi a Kline, che era stato oro in discesa e superG ai Mondiali juniores di Crans-Montana del 2011 ma in Coppa non era mai riuscito a far bene, il suo miglior risultato prima di oggi era stato un tredicesimo posto nella discesa di Santa Caterina Valfurva del 28 dicembre 2014.

Per la Norvegia fanno 16 vittorie su 25 gare di Coppa del Mondo maschile stagionali e con quattro protagonisti diversi, uno sproposito, una media da Austria degli anni d’oro. A proposito di Austria, il migliore oggi del decimato Wunderteam è stato Patrick Schwaiger, quattordicesimo: che differenza con la tripletta dell’anno scorso! Terzo a 24 centesimi lo svizzero Beat Feuz, al secondo podio consecutivo nella specialità, quarto come a Santa Caterina Christof Innerhofer a un solo centesimo da Feuz, l’altoatesino di Gais sfiora il podio su una neve che per lui non era certo il massimo ma su quella che senza dubbio è la pista dove si trova meglio, avendoci vinto il superG iridato nel 2011 e la discesa di Coppa del Mondo nel 2013.

Quinto si è piazzato il francese Adrien Théaux, sesto ex-aequo con lo statunitense Travis Ganong uno straordinario Matteo Marsaglia, sceso col numero  52, il “romano di San Sicario” è al miglior risultato in carriera in discesa visto che era stato settimo il 12 marzo 2011 a Kvitfjell, ottavi ex-aequo il tedesco Andreas Sander, anch’egli al miglior risultato in carriera dato che quest’inverno era stato decimo sia a Santa Caterina sia nel superG di Kitzbühel, e lo sloveno (un altro!) Andrej Sporn, sceso col numero 31, decimo un altro statunitense, Steven Nyman, e undicesimo un buon Peter Fill, reduce dalla sbornia di felicità di Kitzbühel.

Si sono giocati una probabile vittoria il norvegese Kjetil Jansrud, che è andato a incocciare con la testa in una porta finendo poi diciassettesimo ma felicissimo per il successo del connazionale, ma soprattutto Hannes Reichelt, che ha avuto un coraggio da leone a scendere una settimana dopo la caduta sulla Streif ma purtroppo per lui è uscito in una delle trappole della parte centrale. Gli altri azzurri: tredicesimo Dominik Paris, venticinquesimo Mattia Casse che col numero 1 ha perso una grande occasione, quarantaseiesimo Paolo Pangrazzi, non sono arrivati al traguardo Siegmar KlotzSilvano Varettoni e Werner Heel. Domani il gigante con Marcel Hirscher logico superfavorito.

OTTOBRE 2017
Social Scimagazine
Instagram Slider
  • Fare lordinario in modo straordinario Santa Caterina da Siena
    2 anni ago by rivista_scimagazine «Fare l’ordinario in modo straordinario» Santa Caterina da Siena
  • Les2Alpes
    2 anni ago by rivista_scimagazine Les2Alpes
  • Pi sei vicino alla morte e pi ti senti vivohellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine "Più sei vicino alla morte e più ti senti vivo, è un modo fantastico di vivere, come se ogni giorno fosse l'ultimo." James Hunt  #sci   #innerhofer   #valgardena   #scimagazine 
  • BORMIO LA POZZA DEL MAT Un tuffo per chiudere lahellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine BORMIO: LA POZZA DEL MAT Un tuffo per chiudere la stagione. Sabato 11 aprile appuntamento sulle piste di Bormio con la festa di chiusura della stagione invernale: è la Pozza dei Mat, la gara più matta di tutte le Alpi, arrivata alla sua nona edizione. Una sorta di prova per kamikaze della neve: i partecipanti, lanciandosi da un ripido scivolo innevato, devono infatti tentare di oltrepassare una piscina di acqua gelida scavata direttamente nella neve (lunga ben 30 metri e profonda un metro e mezzo). Sono ammessi solo sci, snowboard e fantasiosi carri allegorici: lo scopo è quello di rimanere…
  • Anche un pessima giornata di sci batte un ottima giornatahellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine "Anche un pessima giornata di sci batte un' ottima giornata in ufficio"  #sci   #scimagazine   #cervino 
  • Max Blardone alla Elan  indeciso su che sci usarehellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine Max Blardone, alla Elan, è indeciso su che sci usare per la prossima stagione!  #maxblardone   #sci   #elan 
  • Felix Neureuther tedesco fotografato mentre aiuta il rivale Philipp Schrghoferhellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine Felix Neureuther (tedesco) fotografato mentre aiuta il rivale Philipp Schörghofer (austriaco) a mettere gli sci. Questo è lo sport!  #sci   #felixneureuter   #philipsch ögofer  #SCIMAGAZINE   #training   #ski 
  • Altro ritiro tra le big del circo rosa anche Jessicahellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine Altro ritiro tra le big del circo rosa, anche Jessica Lindell Vikarby si ferma  #ski   #SCIMAGAZINE   #fis 
  • Katrin Zettel che ieri ha annunciato il suo ritiro dallehellip
    2 anni ago by rivista_scimagazine Katrin Zettel che ieri ha annunciato il suo ritiro dalle competizioni  #katrinzettel   #ski   #sci   #SCIMAGAZINE