Una straordinaria Wendy Holdener vince combinata e coppa di specialità a Lenzerheide, mani sulla generale per Lara Gut

Il grande allenatore ticinese Mauro Pini lo diceva che Wendy Holdener poteva diventare una polivalente e non solo una grande slalomista, oggi la beniamina di casa, nella nebbia di Lenzerheide, lo ha dimostrato.

La 22enne del Canton Svitto grazie a un’ottima manche di slalom, disputata al mattino, ma soprattutto a uno strepitoso superG disputato con pochissima visibilità e con condizioni non certo uguali per tutte, nel quale ha rischiato oltre ogni limite, ha conquistato la sua seconda gara di Coppa del Mondo in carriera e stagionale dopo quella nel parallelo di Stoccolma dello scorso 23 febbraio. Ma soprattutto Wendy, grazie al secondo posto di Soldeu, si porta a casa anche la coppa di specialità, quest’anno assegnata nuovamente dopo tre inverni nei quali non è stata prevista, tra l’altro una svizzera non vinceva una combinata davanti al pubblico di casa da quando Brigitte Oertli trionfò a Grindenwald il 15 gennaio 1989, ben 27 anni fa!

Ma oggi è una grande giornata per la Svizzera perché Lara Gut, piazzatasi terza a 47 centesimi, un solo centesimo alle spalle dell’austriaca Michaela Kirchgasser seconda, ha le mani sulla sua prima Coppa del Mondo generale a 21 anni dall’ultimo trionfo elvetico di Vreni Schneider. A non farcelo ritenere ufficiale mancano solo la matematica e solo un improbabile ripensamento di Viktoria Rebensburg, distante 356 punti, che al 99,9% non sarà al via dello slalom delle finali di St. Moritz non avendone del resto mai disputato uno in carriera in Coppa del Mondo. Stesso discorso in campo maschile per Henrik Kristoffersen, che ben difficilmente scenderà in pista nella discesa e nel superG dell’Alta Engadina.

Quarta a 51 centesimi si è piazzata un’altra svizzera, Denise Feierabend, quinta la canadese Marie-Michèle Gagnon, sesta la francese Anne-Sophie Barthet, settima la statunitense Laurenne Ross, la migliore nel superG, e decima l’austriaca Ricarda Haaser, al primo piazzamento top ten in Coppa. Le azzurre: dopo il sesto posto nella manche di slalom Johanna Schnarf è retrocessa all’ottavo posto perché, esattamente come ieri Sofia Goggia, ha perso il bastoncino destro a metà gara dopo aver cozzato con la mano contro un palo, nona Francesca Marsaglia, ventunesima Marta Bassino che prende i suoi primi punti in combinata, fuori nel superG Federica Brignone e nello slalom Goggia, non ha partecipato Elena Curtoni per un problema all’anca. Ora tutti a St. Moritz per le finali di specialità che inizieranno mercoledì e che faranno da vere e proprie premondiali in vista della rassegna iridata del prossimo febbraio.