Tina Weirather vince il superG di La Thuile davanti a Lara Gut e Lindsey Vonn

Era forse la meno attesa tra le big sulla difficilissima 3 Franco Berthod e invece Tina Weirather ha trionfato nel superG femminile di Coppa del Mondo di La Thuile.

Su una neve molto molle e quindi completamente diversa da quella di ieri che l’aveva addirittura fatta finire fuori dalle prime trenta, la portacolori del Liechtenstein col numero 16 pur su una pista già molto rovinata ha preceduto di 57 centesimi Lara Gut e di 64 centesimi Lindsey Vonn, che scendevano col 18 e col 17, le duellanti per la Coppa del Mondo sono ora separate da 23 punti in classifica generale in favore della seconda, mentre sembra chiamarsi fuori da questa lotta la tedesca Viktoria Rebensburg che oggi è finita fuori su una pista ormai quasi impossibile soprattutto nella parte finale dove è uscita. Per Tina è la quinta vittoria in carriera in Coppa del Mondo, la prima stagionale, non vinceva dalla discesa di Garmisch-Partenkirchen del 7 marzo 2015, mentre in superG il successo le mancava dal 14 dicembre 2013 a St. Moritz ed è il suo terzo nella specialità. Tornando a Lindsey e Lara, sono separate da 79 punti nella graduatoria di superG sempre a favore della statunitense.

Per le azzurre, su una neve che non amano, non è andata come i giorni scorsi nel senso che il podio è mancato, oltretutto nella specialità in cui sembrava maggiormente possibile. Pista difficile sì ma neve troppo facile per le loro caratteristiche ma ce ne sono comunque tre nelle prime dieci: miglior risultato eguagliato nella specialità e sesto piazzamento top ten consecutivo nei superG da lei disputati per Federica Brignone, sesta davanti a una folla strabocchevole che ha fatto un tifo scatenato per tutte le azzurre ma soprattutto per lei che da queste parti è praticamente la padrona di casa. Bene anche Elena Curtoni, settima su una pista ancora sciabile col numero 9 con cui è scesa, e Francesca Marsaglia, decima. Purtroppo è uscita di pista la trionfatrice di ieri, Nadia Fanchini, ma su una neve come quella di oggi non ci si poteva aspettare granché da lei specialmente dopo un trionfo epocale come quello di ieri.

Queste le altre atlete nella top ten: quarta la svizzera Fabienne Suter e quinta la francese Romane Miradoli, bravissime ma anche favorite dai numeri bassi, per l’elvetica è il miglior risultato in superG da tre anni a questa parte così come per l’altra francese Tessa Worley, ottava, per Miradoli è invece il miglior risultato della carriera dato che era stata nona nella combinata di Bansko dell’anno scorso, nona la statunitense Laurenne Ross, sempre nelle dieci in questa tre giorni valdostana così come Curtoni e Suter. Non finisce di stupire la ceca fuoriclasse dello snowboard Ester Ledecká, ventitreesima nella discesa di ieri e oggi ventiquattresima. Le altre azzurre: fuori anche Sofia GoggiaDaniela Merighetti e Marta Bassino, tredicesima Johanna Schnarf, trentasettesima Verena Stuffer. Martedì sia per le donne sia per gli uomini ci sarà il City Event in notturna di Stoccolma.